Startseite

  

 ATTUALITA

Comunicati stampa

SW!SS REHA Notizie

Archivio 2016

Archivio 2015

Archivio 2014

Archivio 2013

Archivio 2012

Archivio 2011

Archivio 2010

Archivio 2009

Archivio 2008

Archivio 2007

Archivio 2006

Abbonamento

Manifestazioni

Conferenza REHA Ticino

 POLITICA E DIRITTO

 SERVIZIO

 SW!SS REHA

 CLINICHE LEADER

 AREA MEMBRI

Comune:

Home

Impressum

Esonero da responsabilità

Registrare nuovo utente (membri SW!SS REHA)

Sitemap

Ricerca di ospedale nazionale

Attualita

SW!SS REHA News - No 33 septembre 2016/04

L’introduzione della cartella informatizzata del paziente solleva questioni ancora irrisolte
Nel quadro della strategia «Sanità 2020» del Consiglio federale, la promozione dei servizi sanitari informatizzati («eHealth») e, in particolare, della «cartella informatizzata del paziente» (CIP) rappresenta un elemento cruciale. Lo scopo principale dell’introduzione della CIP consiste nello sfruttare le potenzialità di miglioramento per quanto riguarda la qualità dei processi di cura, la sicurezza dei pazienti e l’efficienza del sistema sanitario.



SW!SS REHA News - No 31 aprile 2016/02

ST Reha: e adesso?
Il legislatore sancisce che per la remunerazione delle prestazioni ospedaliere di riabilitazione in
futuro andrà applicato un sistema tariffale unitario a livello nazionale, orientato alle prestazioni.
L’analisi commissionata da Swiss DRG AG dimostra che con questo modello non si ottiene un’equità di remunerazione e finanziamento comprovatamente maggiore. Al contrario vi è il
rischio che le cliniche con misure di riabilitazione meno onerose saranno invece indennizzate
alla pari delle cliniche con misure più onerose. Dai risultati emerge inoltre che mancano le condizioni quadro nazionali necessarie per un’applicazione regolamentata a livello nazionale delle
tariffe odierne o future.




SW!SS REHA News - No 30 febbraio 2016/01

Il settore sanitario non è improduttivo
Nel giornale «NZZ» del 9 gennaio 2016, Nicole Rütti definiva preoccupanti gli sviluppi nel mercato del lavoro svizzero poiché, negli ultimi sette anni, due terzi dell’aumento dell’occupazione sono ricaduti su settori come l’istruzione, la sanità, la socialità e l’amministrazione, ovvero posti di lavoro che di regola non fanno accrescere la produttività dell’economia nazionale. Qui controbattiamo la sua tesi.